Crea sito

MODELLO 730 LAVORI IMPATRIATI

I lavoratori impatriati possono fruire di un regime fiscale agevolato.

Si tratta di un’agevolazione dedicata ai contribuenti che hanno trasferito la residenza in Italia a decorrere dal 30 aprile 2019, che prevede una riduzione al 30% dei redditi da lavoro dipendente che concorrono alla formazione del reddito complessivo.

Tale percentuale è ridotta al 10% se la residenza è trasferita nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia.

L’agevolazione può essere applicata direttamente dal datore di lavoro, se tenuto a operare sulla busta paga del lavoratore dipendente, altrimenti tramite la compilazione del modello 730/2020.

Il quadro “C” del modello 730/2020 è stato adeguato, alle modifiche relative al regime degli impatriati, con l’inserimento di tre nuovi codici collegati ai “Casi Particolari” (6 e 8) e modificando dei codici preesistenti (4 e 9):

  • Il codice 4 deve essere indicato se il contribuente fruisce, in dichiarazione, dell’agevolazione prevista per i lavori impatriati che sono rientrati in Italia dall’estero fino al 29/04/2019. In presenza dei requisiti stabiliti dall’articolo 16 D.Lgs 147/2015 e dall’articolo 1, commi 150 e 151, L.232/2016, i redditi da lavoro dipendente concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 50%;
  • Il codice 6 deve essere utilizzato se il contribuente ha trasferito la residenza in Italia a decorrere dal 30 aprile 2019 e fruisce, in dichiarazione, dell’agevolazione prevista per i lavoratori impatriati che rientrano in Italia dall’estero. In questo caso i redditi da lavoro dipendente e i redditi assimilati concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 30%;
  • Il codice 8 deve essere utilizzato se il contribuente ha trasferito la residenza in Italia (nelle regioni anzidette) a decorrere dal 30/04/2019 e fruisce, in dichiarazione, dell’agevolazione prevista per i lavoratori impatriati che rientrano in Italia dall’estero. In questo caso i redditi da lavoro dipendente e i redditi assimilati concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 10%;
  • Il codice 9 deve essere utilizzato se il contribuente, sportivo professionista, ha trasferito la residenza in Italia a decorrere dal 30/04/2019 e fruisce, in dichiarazione, dell’agevolazione prevista per i lavoratori impatriati che rientrano in Italia dall’estero. In questo caso i redditi da lavoro dipendenti e i redditi assimilati concorrono alla formazione del reddito nella misura del 50%. L’opzione per questo regime agevolato comporta il versamento di un contributo pari allo 0.5% della base imponibile.

La casella “Casi particolari” deve essere compilata solo nell’ipotesi in cui il datore di lavoro non abbia potuto riconoscere l’agevolazione e il contribuente intenda fruirne.

In questo caso il reddito da lavoro dipendente deve essere indicato, all’interno dei righi “C1” e “C3”, già nella misura ridotta.