AGEVOLAZIONI FISCALI CONTRATTI DI LOCAZIONE

Il nostro studio permette, a tutti coloro che desiderano locare i propri immobili, di accedere a delle agevolazioni fiscali, in materia di contratti di locazione a canone concordato.

Grazie alla nostra convenzione con “Confabitare” è possibile stipulare contratti di locazione a “canone convenzionato”, conosciuti anche come contratti “3+2”, della durata di tre o più anni, prorogabili successivamente di altri due anni.

Che si tratti del locatore o del conduttore, vengono attribuiti dei benefici grazie a questa particolare tipologia di contratto.

Nel caso in cui il locatore opti per la cedolare secca avrà diritto ad un’aliquota ridotta al 10%, rispetto all’aliquota ordinaria del 21%.                                                                                                                              Nel caso in cui il locatore non opti per la cedolare secca, lo stesso, avrà comunque dei vantaggi, nello specifico, beneficierà di una riduzione in materia IRES e IRAP del 30% sul canone di affitto al netto delle deduzioni. Avrà inoltre diritto ad un agevolazione, per quanto riguarda “l’imposta di registro”, che verrà calcolata sul 70% del corrispettivo annuo.

Tuttavia, è necessario soddisfare di piccoli requisiti per poter accedere in tutto e per tutto a queste agevolazioni.                                                                                                                                                        E’ necessario che le parti del contratto siano assistite dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori. Altrimenti per i “non-assistiti” è necessario acquisire un attestazione. Rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo.                                                                                                                Risulta inoltre necessario che gli immobili siano situati in un comune ad alta densità abitativa, e che siano concessi in locazione col particolare “canone concordato”.

 

Precedente IMMOBILI E DECRETO CRESCITA Successivo ABUSI EDILIZI: AUTONOMIA FRA PROFILO PENALE E PROFILO AMMINISTRATIVO